MOBILITA’ SOSTENIBILE, PER UN GIORNO I BAMBINI SONO DIVENTATI PASSEGGERI DELL’AEROPORTO

set 21 2018

Ieri mattina, 20 settembre, la ‘Settimana europea della mobilità sostenibile’, è approdata all’aeroporto delle Marche, per una visita organizzata in collaborazione con Aerdorica e con la Regione Marche. Protagonisti sono stati tre gruppi di bambini di IV e V elementare provenienti da differenti istituti comprensivi di Falconara, che si sono improvvisati viaggiatori tanto da affrontare anche il check-in e il controllo ‘bagagli’.

Ogni gruppo era formato da circa 40 persone, tra alunni e accompagnatori. La visita della prima scolaresca è iniziata attorno alle 10 dopo l’arrivo dei bambini in treno e una illustrazione del funzionamento del bus ibrido messo a disposizione dalla concessionaria Maresca & Fiorentino per il tramite della Regione Marche. Il secondo gruppo ha raggiunto l’aeroporto con lo scuolabus comunale, il terzo (proveniente da Castelferretti) con il Pedibus, accompagnato da nonni volontari.

Per tutti la visita all’interno del Sanzio ha previsto una breve presentazione dell’aeroporto, il check-in con ritiro della carta di imbarco nominativa, controlli di sicurezza, superamento del gate d’imbarco e accesso al piazzale di sosta, visita al distaccamento dei vigili del fuoco, trasferimento al Terminal Arrivi. Gli alunni hanno ricevuto un gadget dell’aeroporto al termine della visita, che ha avuto anche una finalità educativa, visto che i bambini hanno dovuto rispettare le normali regole di sicurezza previste all’interno dell’aeroporto.

Alla visita hanno partecipato Mauro Petraccini,  funzionario del Trasporto pubblico locale, logistica e viabilità della Regione Marche, l’assessore all’Ambiente di Falconara Valentina Barchiesi e i funzionari di Aerdorica che hanno accompagnato i bambini durante tutto il corso della visita. «La visita è stata davvero apprezzata da alunni e accompagnatori – spiega l’assessore Barchiesi – e sono arrivate talmente tante richieste dagli insegnanti che insieme ad Aerdorica abbiamo deciso di riaprire al pubblico le porte dello scalo per una nuova visita, che dia a un maggior numero di studenti la possibilità di conoscere anche il dietro le quinte dell’aeroporto regionale».